Il bando "Energia Inclusiva" lanciato da Fondazione Snam e da Compagnia di San Paolo si rivolge a tutte le organizzazioni ed enti attivi su tutto il territorio nazionale. L'iniziativa si pone l'obiettivo di  identificare soluzioni innovative e creative con potenzialità di scalare il proprio impatto per contrastare la povertà energetica. 

Il bando, si sviluppa in due parti. In una prima fase saranno selezionate fino a 15 proposte che, per un periodo di tre mesi, potranno beneficiare di un percorso di consulenza e accompagnamento personalizzato e specializzato, a opera dell’Incubatore del Politecnico di Torino I3P, attraverso cui potranno scalare e aumentare la portata e l’impatto dei propri progetti. Al termine di questo percorso i promotori selezioneranno i finalisti, fino ad un massimo di 5 progetti, che riceveranno un contributo economico da 10.000 € a 50.000 € a sostegno del proprio progetto.

Il bando insiste su alcuni elementi chiave, centrali anche nel piano strategico della Compagnia di San Paolo. Per essere idonee alla candidatura, le iniziative dovranno dimostrare di contribuire a un cambiamento di paradigma nell’affrontare il tema della povertà energetica, coniugando soluzioni scalabili e sostenibili per l’ambiente in almeno uno dei seguenti ambiti:

  • Formazione e sensibilizzazione: progetti che promuovono la formazione e la sensibilizzazione sul
    tema della povertà energetica e favoriscono il coinvolgimento di utenti, proprietari o gestori di case,
    istituzioni, organizzazioni della società civile nella ricerca di soluzioni;
  • Efficienza energetica: progetti che favoriscono la transizione mediante l’adozione di soluzioni
    energetiche efficienti, con azioni ad esempio infrastrutturali o digitali;
  • Sistemi di misurazione: progetti per l’individuazione di sistemi e strumenti in grado di misurare la
    povertà energetica, le sue cause o i suoi effetti, sia attraverso strumentazioni digitali, sia attraverso
    soluzioni partecipate;
  • Consulenza energetica: sportelli di consulenza. Ad esempio sulle misure e le opportunità esistenti a contrasto della povertà energetica come anche di accompagnamento alla lettura delle bollette e
    all’accesso verso misure di finanziamento;
  • Mappatura: progetti di raccolta e condivisione di dati con sistemi interoperabili per migliorare
    l'identificazione della popolazione colpita dalla povertà energetica e dei suoi bisogni;
  • Behavioural change: progetti che promuovono cambiamenti di abitudini e nuovi approcci di utenti,
    proprietari o gestori di case, istituzioni, organizzazioni della società civile volti a contrastare il fenomeno della povertà energetica;
  • Nuovi modelli di finanziamento: progetti che definiscono e sperimentano modalità innovative per
    finanziare interventi a contrasto della povertà energetica (come le azioni di efficientamento);
  • Skills e job development: progetti volti alla creazione di nuove competenze e di posti di lavoro nel
    campo della formazione sul tema energetico, sull’efficienza energetica e sulle fonti rinnovabili;
  • Collaborazione intersettoriale: progetti che promuovono le sinergie tra diversi settori (es. sanità,
    assistenza sociale, assicurazioni sanitarie) per costruire progetti di sistema.

Sarà necessario inoltre dimostrare di aver maturato esperienza di almeno un anno nel settore. 
In Italia, circa l’8,8% delle famiglie è colpito dalla povertà energetica, un dato che rende il fenomeno particolarmente attuale e che si caratterizza dalla difficoltà per un individuo o un nucleo familiare di disporre di servizi energetici adeguati a garantire un tenore di vita dignitoso. La povertà energetica, la cui incidenza rischia di aggravarsi a causa dell’impatto del Covid-19, è un tema che ha significative ripercussioni sociali, economiche e ambientali; per affrontarlo e ridurne le conseguenze è necessario un approccio trasversale. 

Scadenza: 18 marzo 2021 ore 12:00. 

 _

Trovate tutti i riferimenti del bando alla scheda di dettaglio a questo link, curata dalla Dott.ssa Stefania Fossati, Referente di ConfiniOnline per le opportunità di finanziamento degli enti Non Profit.

 

A questo link trovate la selezione settimanale di ConfiniOnline delle opportunità di finanziamento per il Terzo Settore

 

 

 

Partner della formazione

ConfiniOnline fa rete! Attraverso la collaborazione con numerosi enti profit e non profit siamo in grado di rivolgere servizi di qualità a costi sostenibili, garantendo ampia visibilità a chi supporta le nostre attività. Vuoi entrare anche tu a far parte del gruppo?

Richiedi informazioni